I vantaggi della conservazione 2.0

[fusion_builder_container hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” background_position=”center center” background_repeat=”no-repeat” fade=”no” background_parallax=”none” parallax_speed=”0.3″ video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” border_style=”solid”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_title margin_top=”” margin_bottom=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” size=”1″ content_align=”center” style_type=”none” sep_color=””]

I vantaggi della conservazione 2.0

[/fusion_title][/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_3″ layout=”1_3″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

[/fusion_text][/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”2_3″ layout=”2_3″ spacing=”” center_content=”no” hover_type=”none” link=”” min_height=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” class=”” id=”” background_color=”” background_image=”” background_position=”left top” background_repeat=”no-repeat” border_size=”0″ border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” padding=”” dimension_margin=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_speed=”0.3″ animation_offset=”” last=”no”][fusion_text]

Il processo di conservazione sostitutiva e digitale è sempre stato definito come la codifica di un documento nella forma, nel contenuto e nel tempo nel suo corrispettivo elettronico.

Se pensiamo alla quotidianità professionale, ci rendiamo conto che, oltre ai documenti, esiste tutta una serie di dati e informazioni digitali che devono essere salvaguardati.

All’interno di un’economia sempre più digital, si avverte la necessità di conservare informazioni e dati sempre più strutturati tra loro.

La natura variabile del documento, riconosciuta dal DPCM del 13 novembre 2014 e dal regolamento eIDAS 1 Luglio 2016, fa sì che non possa esistere una definizione univoca dello stesso.

[/fusion_text][/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”no” min_height=”” hover_type=”none” link=””][fusion_text]

L’oggetto documentale, dunque, andrà a perdere con il tempo la sua importanza lasciando spazio ai singoli dati che vengono quotidianamente creati, comunicati e archiviati.

Esiste un effettivo bisogno di passare da un processo di trasformazione del documento a un sistema di codifica delle informazioni.

Aggiornare la conservazione sostitutiva secondo le tecniche del Record Management, permetterebbe di applicare modelli e standard legalmente riconosciuti, come l’ ISO 15489 e lo standard OAIS, in grado di assicurare:

Valenza probatoria.

  • Conformità alla legislazione vigente.
  • Conservazione temporale indipendentemente dai cambiamenti tecnologici e normativi.
  • Funzionalità ed utilità nei processi di conversione.
  • Vincolo unico ed inscindibile tra documento e metadati.

Strumenti, competenze e tecnologie sono già a disposizione; la conservazione sostituitva non dovrà più essere intesa solo come un software ma diventerà un processo di gestione del business all’interno di qualsiasi settore di applicazione.

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

Admin must set a Drive base folder, or uncheck Automatically append attachments folder on Pages/Posts/etc, in Settings -> Google Drive Embedder

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: