Contratto di Locazione

Il servizio consiste nella registrazione, in via telematica, di tutti i tipi di contratti di locazione, compresa la cedolare secca.
Possiamo procedere anche al rinnovo, alla proroga e alla risoluzione di contratti inviati anche da altri intermediari o registrati precedentemente in modalità cartacea.

Se il primo Contratto non è stato registrato presso di Noi, possiamo comunque inviare le successive pratiche.
Un mese prima dalla scadenza vi verrà inviata una e-mail di avviso.

Compila il modulo d'ordine e eseguiremo quanto richiesto:

Svuota
Prezzo del prodotto
Totale opzioni aggiuntive:
Ordine totale:

COSTO DEL SERVIZIO

50,0070,00 + IVA

attenzione

Il costo della pratica potrebbe subire variazioni dovute alle anticipazioni richieste dalle pubbliche amministrazioni.

Le spese sostenute per conto dei clienti, variano a seconda dell’ente e della localizzazione.

Se non verrà indicato alcuna spesa extra durante la richiesta, l’agenzia ne darà immediata notizia appena raccolta tutta la documentazione necessaria.

HAI BISOGNO DI AIUTO?

Per maggiori informazioni o per ricevere assistenza contattaci.

Sei un commercialista?
Agli studi professionali riserviamo sconti speciali!

Tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili, compresi quelli relativi a fondi rustici e quelli stipulati dai soggetti passivi Iva, devono essere obbligatoriamente registrati dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore) qualunque sia l’ammontare del canone pattuito.

Non c’è obbligo di registrazione per i contratti che non superano i 30 giorni complessivi nell’anno. La registrazione dei contratti di locazione deve avvenire entro 30 giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza, se anteriore.

PRATICA24 SRL fornisce assistenza per questo tipo di adempimento particolarmente delicato al fine non solo di coadiuvare i soggetti interessati (privati, aziende, intermediari del settore immobiliare) ma anche con l’obiettivo di creare un servizio a valore aggiunto per chiunque ne faccia richiesta.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Contratto di Locazione”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Imposta di registro

L’importo dovuto varia a seconda dell’immobile locato o affittato.

IMMOBILEPercentuale
Fabbricati a uso abitativo2% del canone annuo moltiplicato per il numero delle annualità
Fabbricati strumentali per natura1% del canone annuo, se la locazione è effettuata da soggetti passivi Iva
Fabbricati strumentali per natura2% del canone, negli altri casi
Fondi rustici0,50% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità
Altri immobili2% del corrispettivo annuo moltiplicato per il numero delle annualità

Per i contratti di locazione a canone concordato, riguardanti immobili che si trovano in uno dei Comuni “ad elevata tensione abitativa”, è prevista una riduzione del 30% della base imponibile sulla quale calcolare l’imposta di registro. In sostanza, il corrispettivo annuo da considerare per il calcolo dell’imposta va assunto per il 70%.

Il versamento per la prima annualità non può essere inferiore a 67 euro.

Il locatore e il conduttore rispondono in solido del pagamento dell’intera somma dovuta per la registrazione del contratto.

Sul deposito cauzionale versato dall’inquilino non è dovuta l’imposta di registro. Se però il deposito è pagato da un terzo estraneo al rapporto di locazione, va versata l’imposta nella misura dello 0,50%.

Contratti pluriennali

Per i contratti che durano più anni si può scegliere di:

  • pagare, al momento della registrazione, l’imposta dovuta per l’intera durata del contratto (2% del corrispettivo complessivo)
  • versare l’imposta anno per anno (2% del canone relativo a ciascuna annualità, tenendo conto degli aumenti Istat), entro 30 giorni dalla scadenza della precedente annualità.

Chi sceglie di pagare per l’intera durata del contratto ha diritto a uno sconto, che consiste in una detrazione dall’imposta dovuta pari alla metà del tasso di interesse legale (0,5% per il 2015 e 0, 2% a partire dal 1° gennaio 2016) moltiplicato per il numero delle annualità.

Se il contratto viene disdetto prima del tempo e l’imposta di registro è stata versata per l’intera durata, spetta il rimborso dell’importo pagato per le annualità successive a quella in cui avviene la disdetta anticipata del contratto.

Quando si sceglie di pagare annualmente, l’imposta per gli anni successivi può anche essere di importo inferiore a 67 euro.

Anche per la proroga del contratto di locazione di immobile a uso abitativo è possibile pagare l’imposta in unica soluzione oppure anno per anno.

Per le risoluzioni e le cessioni senza corrispettivo dei contratti di locazione e sublocazione di immobili urbani con durata di più anni, l’imposta si paga nella misura fissa di 67 euro. Negli altri casi (per esempio, locazione di immobili non urbani), l’imposta si applica ai canoni ancora dovuti nella misura del 2% o dello 0,5% se si tratta di fondi rustici.

Imposta di bollo

Per ogni copia da registrare, l’imposta di bollo è pari a 16 euro ogni 4 facciate scritte del contratto e, comunque, ogni 100 righe.

Modello RLI 242.24 KB 0 downloads

...

PRATICA24 è ormai da tempo abilitata ad effettuare l’attività
di intermediazione per la registrazione telematica dei contratti di locazione.
La pubblica amministrazione spinge il contribuente ad utilizzare i sistemi
informatici e telematici per adempiere agli obblighi previsti dalla Legge,
come prescritto dal decreto Legge n. 223 del 4 luglio 2006 (Decreto Bersani).

Iter di una registrazione telematica di contratto di locazione

– Predisposizione del file telematico con il testo integrale del contratto
– Calcolo delle imposte di registro e bollo e pagamento delle stesse
– Inoltro telematico
– Gestione delle ricevute telematiche

Oltre ad effettuare la registrazione telematica dei contratti, PRATICA24 provvede
anche ad effettuare la gestione del contratto come le scadenze dei pagamenti d’imposta
sulle annualità successive, le proroghe, le risoluzioni anticipate e il pagamento
del conguaglio d’imposta di registro.

Chiudi il menu